Wednesday, 24 May 2017
 

Home
Chi Siamo
A Chi Serve
News
Seminari e Convegni
Ricerche
Convenzioni
TABBY in internet
TABBY trip in EU
Open Eyes-Safenet Use
TEACHERS
Switch_Off.eu
IARA
Earn in Jvo
EAPL Sorrento 2009
ALBA Agenda Antistalking
ASTRA Sportello Antistalking
Nausicaa
Valutazione del rischio
ISA Online
ISA-Increasing Self Awareness
DIVA
Forze dell'Ordine
ROBERT
AMBRA - Ambasciatori di aiuto
RITA - Risposte di intervento
BODA-Believes on domestic abuse
FIONA
REMARE
Studenti
Contatti
Relazioni libere Dalla Violenza
1.jpg
NAUSICAA

 

 

tel. 0823323385

mail: nausicaa@openeyes.it

 

RASSEGNA STAMPA

Il ministro apre l'Osservatorio anti-bulli nella casa confiscata al clan dei Casalesi
Corriere del mezzogiorno 22/02/2012

L'Ats "Occhi aperti" porta il progetto Nausicaa a Caserta
Affariitaliani.it 22/02/2012

“Più Scuola Meno Mafia”, Profumo a Caserta
campanianotizie.com 22/02/2012

Protocollo d'intesa Miur - Comune su bene confiscato: mercoledì la firma
casertanews.it 22/02/2012

Edizione pomeridiana
TGR Campania 22/02/2012 

A SCUOLA DI LEGALITA’ IN UN BENE CONFISCATO
Videocomunicazioni.com

Il ministro inaugura il bene confiscato - photogallery
Corriere del mezzogiorno 22/02/2012

Scuola e legalità, il ministro Profumo a Caserta
julienews  22/02/2012

Comunicato Ansa  22/02/2012

Articolo Corriere della sera, 22/02/2012 1,2,3

Articolo Mattino, 23/02/2012 1,2 

Comunicato Young  22/02/2012

 

COMUNICATO STAMPA

PROGETTO NAUSICAA: UN OSSERVATORIO PER LE VITTIME DI BULLISMO E STALKING E CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA IN UN BENE CONFISCATO ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA


A quasi due anni dall’avvio del Progetto Open Eyes che ad oggi ha coinvolto oltre 3000 studenti e 70 docenti di istituti scolastici di Milano e Provincia, l’ATS “Occhi aperti” avvia in un bene sequestrato alla criminalità organizzata e messo a disposizione del Comune di Caserta il Progetto Nausicaa.
L’Associazione Temporanea di Scopo “Occhi aperti”, costituita dal Dipartimento di Psicologia della Seconda Università di Napoli, dall’Associazione Chiamamilano e dell’Istituto superiore Niccolò Machiavelli di Pioltello, con il sostegno del Ministero dell’Istruzione, opera dal 2010 nell’ambito della ricerca e della prevenzione del cyberbulling e cyberstalking giovanile, articolandosi in quattro direttrici fondamentali: la ricerca, la formazione dei docenti, l’intervento nelle classi per la gestione dell’emergere delle criticità e il counseling rivolto a adolescenti, genitori e insegnanti.
A partire dall’esperienza consolidata con il Progetto ‘Open Eyes’ l’ATS Occhi Aperti avvia sul territorio di Caserta il Progetto Nausicaa con lo scopo di costituire un osservatorio sul territorio di Caserta a favore delle vittime innocenti di criminalità e dei giovani con disagi sociali, in particolar modo a rischio di dispersione scolastica, di bullismo e le nuove forme di cyber bullismo, progettare interventi di ricerca, informazione e prevenzione e sviluppare azioni capaci di contrastare le conseguenze dei reati o ridurne gli effetti in conformità a quanto disposto dalle recenti Decisioni Quadro e Raccomandazioni dell’Unione Europea e in conformità alle Leggi Regionali della Campania, in particolare la legge 11/2003.
I destinatari del progetto sono: le vittime innocenti della criminalità, gli operatori del settore,  i giovani che presentano disagi, studenti  a rischio di dispersione scolastica coinvolti in episodi di bullismo, cyber bullismo, nonché insegnanti o direttori di istituto interessati ad approfondire tali problematiche. 

L’Osservatorio Nausicaa si propone come laboratorio, osservatorio di studi, ricerche e intervento, informazione e formazione sulle vittime innocenti di criminalità e per la prevenzione del disagio sociale di studenti delle scuole medie e inferiori e dell’Università. Le vittime innocenti dei reati, sia quelle che denunciano e che devono intraprendere un iter giudiziario ma anche quelle che non denunciano, necessitano oltre a un’eventuale consulenza legale, anche un sostegno psicologico. Le vittime di alcune categorie specifiche di reati come le donne vittime di violenza, i soggetti che subiscono atti persecutori, che sono oggetto di mobbing o di molestie, spesso per l’imbarazzo o la vergogna non ne parlano con nessuno, non denunciano mai né alle agenzie formali né a quelle informali.

Il progetto Nausicaa si metterà in rete con le altre agenzie del territorio che si occupano per diversi versanti al problema delle vittime di reato e del disagio minorile in particolare con le scuole del territorio, con la Questura di Caserta, con il Comune di Caserta, con il Comando provinciale dei Carabinieri di Caserta, con la Procura, con i servizi sociali e con le ASL e le altre associazioni che operano nel settore.

L’Osservatorio Nausicaa, collocato a Caserta, presso un bene confiscato alla criminalità organizzata, si propone di costituire un polo di studio, ricerca, informazione, formazione e analisi dei casi. Attraverso la rete, con servizi del territorio che a vario titolo operano direttamente o indirettamente con il mondo giovanile scolastico e di aggregazione (mondo sportivo, aggregazioni culturali giovanili).

I primi tre obiettivi del Progetto Nausicaa sono: la realizzazione di un Centro studi e ricerche sulle vittime innocenti di criminalità; l’istituzione di un Centro per la informazione e formazione rivolto a professionisti, operatori del sociale, della giustizia, operatori sanitari e anche in collaborazione con le Forze dell’Ordine sulle tematiche della vittima di reato, dei reati così detti ‘ordinari’ quindi non della criminalità organizzata; l’attivazione di Sportelli di ascolto e counselling per le vittime innocenti della criminalità.


 

 

 

 

 
 

 

Contatore utenti connessi

Webmaster

Top!